Excite

Berlusconi: "Kakà non andrà al Real"

I soldi non sono tutto. Berlusconi ribadisce il concetto affermando a chiare lettere di non essersi pentito per non aver accettato i 120 milioni del Manchester City.

"Sono felice per questa scelta" ha dichiarato il Cavaliere in un'intervista rilasciata a Il sole 24 ore "Non cedere Kakà è stato come vincere un'altra Champions League. Il ragazzo è stato straordinario. Il Milan non trattiene nessuno contro la sua volontà. Non lo fece due anni fa con Shevcenko, sia pure con grandissimo rammarico. Come ho detto nei giorno scorsi, se Kakà avesse ritenuto che il suo avvenire, economico e professionale, potesse realizzarsi a Manchester, avremmo rispettato la sua decisione. Ma siamo tutti felici che non sia andata così".

E lo sceicco come l'ha presa? "Al nostro posto avrebbe fatto la stessa scelta. I rapporti che ci legano sono eccellenti. Sta cercando di costruire una grande squadra e gli auguro di riuscirci. Il Real Madrid? Kakà e il Milan hanno già risposto al Real Madrid in passato. Non vedo alcuna ragione per cambiare questo atteggiamento. E poi la prova di attaccamento ai colori rossoneri data in questi giorni mi sembra eloquente…".

Il Milan però sarà costretto a gestire la prossima campagna acquisti senza la montagna di soldi proposti dal City..."Il vero fuoriclasse del Milan, al di là dei calciatori e di uno straordinario tecnico come Carlo Ancelotti, si chiama proprio Adriano Galliani. A lui comunque non abbiamo mai fatto mancare la liquidità necessaria per le operazioni di mercato più importanti".

Berlusconi rivela poi una curiosità: L'annuncio della mancata cessione di Kakà, affidato al "Processo di Biscardi" "Semplicemente, questo dimostra che non esistono reti "di famiglia". Le tv Mediaset non sono mai state e non saranno mai al mio servizio, men che meno nello sport. E poi voglio bene a Biscardi perchè è un grande professionista".

120 milioni per Kakà. Non è esagerato? "Mi rendo conto che, di fronte alla difficoltà del momento, i cittadini possano essere turbati sentendo parlare di certe cifre. Ma un calciatore è anche un ritorno d'immagine e ogni club fa le sue valutazioni"

Beckam: "Mi piacerebbe trattenere il calciatore oltre i due mesi. Chi non farebbe carte false per cercare di fa r giocare quanto più possible un calciatore del genere nel proprio club? Però Beckham è legato da un contratto ai Galaxy: i patti si devono rispettare".

Pato sta facendo benissimo e grandi club sembrano interessati al giovane brasiliano: "Abbiamo investito su Pato per il futuro. Stiamo facendolo crescere in questa logica, e mi pare che il ragazzo stia dando risultati che confermano le straordinarie aspettative su di lui. Cederlo sarebbe ormai contro ogni logica".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017