Excite

Benitez al Real Madrid, "sì" emozionato al Bernabeu: contratto triennale per l’erede di Ancelotti

  • Twitter @CorSport

Poche parole e tanta emozione per Rafa Benitez nell’atteso giorno del “ritorno a casa” sulla panchina del Real Madrid dell’allenatore fino a domenica scorsa al timone del Napoli di Aurelio De Laurentiis nel campionato italiano.

Divorzio consensuale tra il Napoli e Benitez: l’annuncio del patron De Laurentiis

Il Mister iberico, scelto dal presidente Florentino Perez come successore di Carlo Ancelotti per la stagione 2015/2016, non è riuscito ad andare oltre un minuto di presentazione sul palco dello stadio Bernabeu, tradito dal forte sentimento che lo ha riportato in patria dopo due anni in Italia.

“Difficile trovare le parole giuste per fare un discorso oggi” ha ammesso con voce tremante davanti ai giornalisti l’ormai ex tecnico del Napoli, riservando il poco tempo sfuggito all’emozione alle doverose promesse di bel gioco e “vittorie” in cima ai pensieri del massimo dirigente delle merengues dopo la sofferta decisione dell’addio al plurititolato Ancelotti.

(Benitez torna a casa dopo due anni in Italia: è lui il nuovo tecnico del Real Madrid)

L’esordio nelle vesti di coach in seconda del Real Madrid risale a 20 anni fa, ma nella memoria di Benitez quel lasso di tempo sembra volato via in un attimo e adesso è il momento di conquistare il cuore dei tifosi blancos a suon di risultati e con un calcio spettacolare che in Spagna è una premessa per qualsiasi tipo di affermazione: “Spero di ripagare la fiducia nel mio lavoro ha concluso l’intervento il “figliol prodigo” della squadra più potente della Liga trattenendo a stento le lacrime in una giornata storica.

Diverso, più disteso, il clima nella sala conferenze stampa del Santiago Bernabeu, dove il neoallenatore del Real si è confrontato a lungo coi cronisti tornando sui progetti della società e sul biennio italiano, dando prova per l’ennesima volta del suo inconfondibile stile da uomo di sport d’altri tempi dotato di correttezza e professionalità fuori dal comune.

“Ringrazio De Laurentiis per avermi permesso di arrivare qui” ha affermato Rafa Benitez, che riabbracciando Madrid si potrà finalmente dedicare al sogno per il quale aveva lavorato nell’intenso decennio di carriera trascorso tra Spagna, Inghilterra e Italia, ma da domani il tempo dei sentimenti dovrà già lasciare spazio all'assai meno romantica legge del campo.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017