Excite

Assegnazione Euro 2012: 'Ci fu corruzione'

L'assegnazione degli Europei del 2012 a Polonia e Ucraina, vittoria in volata sull'Italia, fu macchiata da un grave caso di corruzione. E' quanto dichiara al quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, Spyros Marangos, ex tesoriere della federcalcio cipriota.

'Sono stati pagati 11 milioni di euro a 5 funzionari dell'Uefa per favorire Polonia-Ucraina, parte del denaro era contenuto all'interno di un orsacchiotto di peluche' ha raccontato Marangos, che da due anni ha messo in all'erta Uefa e Figc.

'Dall'Uefa ho ricevuto solo minacce di denunce per diffamazione. Ho anche cercato di fare arrivare queste informazioni a Michel Platini. Lo scorso 24 agosto ho fissato un appuntamento con Peter Limacher, capo dei servizi disciplinari Uefa. Quattro giorni prima, Limacher ha annullato il faccia a faccia. Nella mail mi ha scritto che la richiesta gli era arrivata dai suoi superiori'.

Uno dei funzionari coinvolti sarebbe recidivo. Neoclis Neocleous, legale di Marangos, ha confermato che il suo assistito è in possesso di alcuni documenti, conservati in una cassaforte, che provano come una-due persone sono coinvolte in tarnsazioni sospette. Altre sono pronte a testimoniare sotto giuramento in tribunale'.

La vittoria di Polonia-Ucraina apparve subito sospetta. I due paesi avevano presentato il dossier peggiore, eppure arrivarono ad ottenere l'assegnazione al termine di un testa a testa con l'Italia.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020