Excite

Argentina e Brasile, vincere non basta

Quando vincere non basta per chiamarsi fuori da un tourbillon di polemiche. Ne sanno qualcosa Argentina (1-0 alla Nigeria) e Brasile (2-1 sulla Corea Del Nord. Maradona e Dunga sono stati al centro di critiche in patria, per la poca verve dimostrata nei confronti di due avversari considerati alla vigilia ampiamente abbordabili.

All'ex pibe de oro sono state recapitate inoltre i dubbi di Platini ('Maradona? Era un grande giocatore, ma come ct...') e Pelè ('Ha accettato la panchina per soldi...'), due nemici storici del ct argentino. Apriti cielo. E infatti Dieguito non si è fatto pregare per rispedire al mittente le ramanzine.

'Pelè e Platini dicono che giochiamo male? La smettessero di dire cavolate' le caustiche parole di Maradona 'Pensassero piuttosto a risolvere il problema dello Jabulani, è un pallone che incide troppo sulle giocate e sull'andamento delle partite. Pelè torni pure al museo, non m'interessa ciò che dice, neanche gli dico ciao e Platini è come tutti i francesi, si dà tante arie, ma non gli ho mai dato tanta importanza...'.

DUNGA - Carlos Dunga si difende dalla delusione per un Brasile poco scoppiettante: 'C'era dell'emozione per via dell'esordio in un campionato mondiale. La Corea Del Nord badava solo a difendersi, non era facile'. Dello stesso parere il nerazzurro Maicon: 'Giocavano esclusivamente in contropiede, era difficile,ma è andata bene'.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2021