Excite

Ancora Mourinho show, litiga con un cronista

Di questo passo le conferenze stampa made in Mourinho rischiano di diventare meglio di qualunque pezzo di cabaret. Ieri nuova puntata, protagonisti l'allenatore dell'Inter ed alcuni giornalisti. "Che sguardi ha ritrovato nei giocatori dopo la sconfitta nel derby?", chiede uno. Mourinho, in modo teatrale, si gira prima verso il pannello alle sue spalle, poi spara: "Non dobbiamo giocare una partita di campionato. Venerdì sono nuovamente qui e allora parleremo di campionato, oggi parlo del Werder".

La risposta non accontenta la platea, così qualcun'altro ritorna sul derby: "I giocatori hanno dimenticato la brutta prova di domenica?" " Ovviamente sì " risponde Mourinho "non abbiamo tempo per piangere e ripensare al derby. C'è una differenza grande tra il nostro lavoro e quello dei giornalisti. Vi racconto un episodio: ho un amico che era, anzi è, un bravo giornalista. Quando iniziava la partita apriva il suo computer e iniziava a raccontarla, pensando a un determinato risultato. Se il risultato cambiava negli ultimi cinque minuti, andava su tutte le furie perché doveva rifare l’articolo e doveva restare nello stadio un’ora in più. Per i giornalisti è facile giudicare dopo". Poi si rivolge a un giornalista in sala e gli fa: "Per esempio, tu vuoi fare la squadra per domani? Io sarei felice che tu provassi ora a fare la squadra, giudicare dopo è facile". "La farei volentieri" risponde "mi basterebbero 500mila euro dei suoi nove milioni di ingaggio". "Non sono nove" attacca il tecnico "Ma undici, anzi quattordici con gli sponsor".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017