Excite

Abete:'Niente dimissioni'

Con quella faccia un po' così, quell'espressione un po' così, Giancarlo Abete ha tenuto banco alla conferenza stampa in programma stamane a Centurion, all'interno del quartier generale azzurro. Chi si augurava la testa del numero uno Figc, quale pegno per la clamorosa eliminazione dai mondiali è rimasto deluso.

'Perchè' spiega Abete 'Scegliere Lippi non è da dimissioni. Lippi ha avuto il sostegno della federazione. Purtroppo nessuno si aspettava un epilogo del genere. Il primo tempo contro la Slovacchia è stato giocato a pessimi livelli, senza neanche riuscire a fare due passaggi consecutivi e l'abbiamo pagata...La squadra non è stata certo influenzata dal fatto di sapere che Lippi avrebbe lasciato a fine mondiale'.

'Il problema' ha aggiunto Abete' 'è legato alla scarsa competitività del nostro calcio, stanno pagando i club a livello internazione, stanno pagando le nostre nazionali, under 21 compresa. Bisogna cercare un confronto con le società, curare meglio il settore base della Federazione, elevare la qualità di tecnici e istruttori'.

'Adesso non c'è tempo per piangerci addosso, bisogna ripartire subito. Prandelli sarà presentato l'1 luglio, avrà un contratto quadriennale, per un progetto finalizzato ai mondiali di Brasile 2014. E' un allenatore scelto per doti tecniche e caratteriali'.

E non poteva, ovviamente, mancare il ritornello del momento: 'Fenomeni in giro non ce ne sono, nessuno ci avrebbe aiutato ad uscire da una situazione complicata. Ai tifosi chiedo di non fischiarci. Abbiamo fatto tutti male, ma questa squadra non merita segnali di inciviltà'.

CANNAVARO - Dopo Abete, la passerella dei visi mogi è proseguita con il capitano, Fabio Cannavaro. 'Dopo la prima partita ero fiducioso, ci ha condizionato la seconda, quella contro la Nuova Zelanda. Ieri perciò non eravamo sereni, loro tranquilli, hanno avuto la meglio'.

'Ci sono dei meccanismi da cambiare' ha aggiunto il difensore 'bisogna guardare ai giovani, altrimenti l'Italia ci metterà altri 27 anni per vincere un titolo mondiale, qualcosa che un paese che vive di calcio non si può permettere'.Guardare al futuro, ma non troppo, perchè per Cannavaro 'Balotelli non sarebbe stato pronto per questo mondiale. Cassano? Con lui abbiamo giocato due europei e non abbiamo vinto...'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019